Chi siamo  
I nostri servizi  

Operatori del mercato  

P.A. Trasparente  
Archivio News  
Link  



       home - news - Prodotti

Lo spreco di cibo vale 2.060 miliardi di euro. Oltre 40 tonnellate di frutta e verdura recuperate dal Mercato di Genova

Lo spreco di cibo vale nel mondo circa 2.060 miliardi di euro. Secondo la Fao più di 1,3 miliardi di tonnellate di alimenti ancora consumabili vengono ogni anno buttati via, un quantitativo che potrebbe sfamare per un anno intero 2 miliardi di persone.
Una risposta concreta a livello locale è “RICIBO”, una rete di associazioni, imprese e servizi sociali per trasformare lo spreco alimentare in risorsa.  E tra i soggetti che a Genova hanno investito da tempo su questo aspetto c'è il Mercato di Genova che ha presentato i risultati su questo fronte nel corso di un incontro promosso a Palazzo Tursi dal Comune di Genova.
" Grazie agli operatori grossisti del Mercato ortofrutticolo di Genova con la regia di SGM e tramite il progetto Crea - spiega Nino Testini, vice direttore di Società Gestione Mercato - si si sono recuperate circa  40 tonnellate di frutta e verdura : significano oltre 266.000 porzioni solo che nel 2016. Il valore sociale di questo progetto è ancora più importante considerando che il ritiro e la distribuzione della frutta e verdura avviene tramite gli ospiti della comunità di San Benedetto, ovvero persone che hanno ricevuto un aiuto e donano il loro lavoro per aiutare gli altri".   
Nel corso dell'incontro a Genova è stata presentata la pagina web del sito istituzionale del Comune di Genova, frutto del lavoro delle associazioni, dei Servizi sociali territoriali e della Direzione Politiche Sociali sul tema del contrasto allo spreco di cibo e della distribuzione di alimenti alle persone in difficoltà. La pagina rimanda anche alla fanpage Facebook RICIBO che ha lo scopo di collegare tra loro le associazioni e diffondere le iniziative e gli eventi che si organizzano in città.
In Italia lo spreco costa lo 0,5% del Pil, oltre 8 miliardi di euro. Per una famiglia italiana questo significa una perdita di 1.693 euro l’anno. In Italia ogni anno finiscono tra i rifiuti dai 10 ai 20 milioni di tonnellate di prodotti alimentari, per un valore di circa 37 miliardi di euro. Cibo che basterebbe a sfamare, secondo la Coldiretti, circa 44 milioni di persone.
A Genova è presente da anni un’ampia e diffusa rete di punti di distribuzione di alimenti in eccedenza alle famiglie in condizioni economiche difficili, con la regia comunale, gestita da vari soggetti pubblici, ecclesiali, del terzo settore e privati nel quadro di un'azione più ampia, volta al contrasto della povertà, dell'emarginazione e dello spreco di beni primari.
Il Comune di Genova aderisce da molti anni alla Rete nazionale “Città Sane” che dedica una particolare attenzione ai temi legati all’alimentazione. Proprio su iniziativa del Tavolo cittadino Città Sane si sono svolti incontri ai quali hanno partecipato operatori comunali e numerose associazioni. Ne è emersa l’esigenza di una più efficace collaborazione tra soggetti pubblici e volontariato anche attraverso gli strumenti della rete.
Società Gestione Mercato S.C.p.A. - P.IVA 01731200992 - All rights reserved - Dati Sociali - Credit e Redazione  -  Informativa sui cookie