Chi siamo  
I nostri servizi  

Operatori del mercato  

P.A. Trasparente  
Archivio News  
Link  



       home - news - Economia locale

Il passaggio verso l’economia circolare. Le bioplastiche dagli scarti dell'ortofrutta esempio da sviluppare

Il passaggio verso l’economia circolare è stato al centro della tavola rotonda svoltasi ieri alla Camera di Commercio, dal titolo: “Economia Circolare: le imprese protagoniste del cambiamento”. 
 
Imprese, istituzioni e associazioni di categoria si sono confrontate sul passaggio dal modello di economia lineare - che prevede la produzione di un bene, il suo utilizzo e poi l’abbandono - al modello di economia circolare, che risponde a logiche economiche e di tutela ambientale, che se bene applicate costituiscono una opportunità di sviluppo sostenibile delle imprese. I tre principi sui quali si basa questo modello sono la riduzione degli scarti, il riutilizzo e il riciclo.
 
Dopo l’introduzione del Segretario Generale della Camera di Commercio Maurizio Caviglia, sono intervenuti alla discussione Eleonora Rizzuto, Presidente di AIESEC, Alessandra De Santis, Comitato scientifico “Storie di Economia Circolare” e Paolo Castiglieri, Associazione Genova Smart City.
 
Tra gli esempi in primo piano la presentazione del progetto di realizzazione di bioplastiche dagli scarti dell’ortofrutta da Società Gestione Mercato promosso insieme a Istituto Italiano di Tecnologia e Ascom Confcommercio con la collaborazione di Comune di Genova e Camera di Commercio di Genova.
Ed è stato proprio il responsabile della comunicazione dell’Istituto Italiano di Tecnologia, Giuliano Greco, a condurre passo dopo passo i presenti a capire come nascono le bioplastiche dagli scarti dell’ortofrutta. Mostrando anche alcuni prodotti realizzati.
L’amministratore delegato di Società Gestione Mercato, Gianni Ratto, e la responsabile del progetto per Ascom, Ilaria Mussini, hanno ricordato “ quanto la raccolta differenziata influisca pesantemente sul conto economico delle aziende. Questo progetto, oltre a cercare di dare risposta a questo aspetto,  ha il merito ulteriore di poter avviare nuove imprese in grado di creare posti di lavoro. Ora dopo questa fase di lancio occorre pensare ad una industrializzazione del processo, lavorando per la creazione di una start up che abbia base in Valpolcevera dove hanno sede il Mercato di Genova e l’Istituto Italiano di Tecnologia".
Società Gestione Mercato S.C.p.A. - P.IVA 01731200992 - All rights reserved - Dati Sociali - Credit e Redazione  -  Informativa sui cookie