Chi siamo  
I nostri servizi  

Operatori del mercato  

P.A. Trasparente  
Archivio News  
Link  



       home - news - Economia nazionale

Su il sipario di Macfrut. Il Mercato di Genova con la rete Italmercati alla Fiera di Rimini

Su il sipario sulla vetrina internazionale dell’ortofrutta. Appuntamento in Fiera a Rimini dal 9 all’11 maggio con la 35esima edizione di Macfrut. E il Mercato di Genova, grazie alla rete Italmercati, si ripropone tra i principali protagonisti dell’ortofrutta e della logistica agroalimentare. 
Una presenza doppia quella della struttura genovese. Il Mercato di Genova è infatti anche presente al'interno dello stand Fedagromercati in modo da promuovere l'attività complessiva degli operatori aderenti a Fedagro Genova che operano storicamente nel capoluogo ligure. 
Imponenti i numeri della rassegna cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi quattro anni. Macfrut si dispiega su 8 padiglioni su un’area di oltre 55mila metri quadratioltre 1100 espositori, un quarto dei quali esteri, oltre 1500 buyer invitati da tutto il mondo, un centinaio tra convegni, incontri e seminari per fare il punto sul sistema ortofrutticolo internazionale. Ultimo dato di crescita, la presenza di pullman di visitatori, organizzati da imprese, associazioni, riviste e università: dai 20 della scorsa edizione (di cui 3 esteri), ai 50 di quest’anno (7 esteri, da Croazia, Serbia e Bosnia).
Macfrut è organizzato da Cesena Fiera e si svolge in Fiera a Rimini nelle giornate 9-10-11 maggio 2018, orario 9.30-18.00.   Info: www.macfrut.com

Internazionalizzazione e innovazione sono i due cardini di Macfrut.  Sul piano internazionale, il 25% degli espositori sarà oltreconfine per una rappresentanza estera di oltre 40 Stati da quattro Continenti. Tante le new entry (Tanzania, Zambia e Mozambico, Uzbekistan, Honduras, El Salvador, Grecia), a cui si affiancano numerosi singoli espositori esteri in spazi individuali e la presenza delle principali catene distributive mondiali.
Sempre sul piano internazionale, boom di buyer mondiali che hanno oltrepassato la soglia dei 1500, e la presenza dei principali produttori e importatori di frutta tropicale grazie al primo summit europeo del Tropical Fruit Congress.
Fondamentale nel percorso di internazionalizzazione il sostegno dell’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane che ha visto la selezione di 150 operatori provenienti da circa 30 Paesi. Fondamentale anche la Regione Emilia Romagna in particolare nell’incoming di buyer cinesi. Partner di Macfrut in questo cammino il gruppo bancario UniCredit, main sponsor e business partner, e Coface, uno dei leader mondiali nell’assicurazione dei crediti.
Numerose le novità anche sul piano delle innovazioni. Ben 32 le aziende premiate nel Macfrut Innovation Award per le innovazioni nei diversi segmenti del settore: sementi, macchine attrezzature per la coltivazione, colture protette, fertilizzanti, tecnologie per il confezionamento, packaging e imballaggio, logistica e servizi e quarta gamma.
Un’altra grande novità è l’area dinamica, AcquaCampus, un campo dimostrativo di 500 metri quadrati dove si possono vedere in azione gli impianti di irrigazione tecnologicamente più avanzati, presentati dalle aziende leader mondiali. In vetrina anche le novità della IV Gamma, in mostra in una serra di 400 mq con gli ultimi ritrovati della tecnica per la raccolta delle verdure dedicate a questo segmento.
Macfrut è anche una fiera ricca di contenuti. Sono un centinaio gli eventi in programma tra convegni, meeting aziendali, convention organizzati direttamente dagli espositori, con il grande Summit europeo sui frutti tropicali, il Tropical Fruit Congress dedicato a mango e avocado.
 
Ortofrutta cardine dell’agroalimentare
L’ortofrutta è un settore fondamentale dell’agroalimentare italiano. Il valore della produzione è salito del +3% rispetto allo scorso anno e ha raggiunto i 14,2 miliardi di euro, oltre il 25% del valore della produzione dell’intero settore agricolo. L’Italia è tra i primi al mondo con una produzione di oltre 10 milioni di tonnellate di frutta all’anno, dato che mette insieme frutta, agrumi e uva da tavola. Gli ortaggi sia in serra che pieno campo, insieme a legumi secchi, patate e olive da tavola arrivano a oltre 15 milioni di tonnellate (Fonte: Cso Italy).
Il 2017 sarà ricordato come l’anno del record nelle esportazioni. Per la prima volta infatti è stata superata la soglia dei 5 miliardi di euro (5,1 miliardi per la precisione, +2,5%) che pongono il settore ortofrutticolo al secondo posto come valore nell’agroalimentare italiano (Fonte Ice Agenzia). Solo il vino ha fatto meglio, con 6 miliardi di euro, tutto il resto viene dopo. Non solo: se al settore ortofrutta sommiamo quello di conserve e succhi vegetali (3,2 miliardi di euro) l’insieme darebbe 8,3 miliardi di euro, al primo posto come peso in valore economico.
La quota maggiore dell’export è rappresentata dalla frutticoltura (3,7 miliardi di euro), minore ma sempre di rilievo la quota orticola (1,4 miliardi).
Riguardo i consumi, il 2017 ha visto un aumento dei volumi consumati di frutta e verdura in Italia (Fonte Cso Italy). Nell’arco dell’ultimo anno le famiglie italiane hanno acquistato, per il consumo domestico, 8,5 milioni di tonnellate di ortofrutta, circa 180 mila tonnellate in più rispetto al totale del 2016 (+2,2%). L’incremento rispetto a soli cinque anni fa è del +12,4%, anche se il riferimento è sulla base di un’annata, quella del 2013 nel quale l’ortofrutta era in caduta libera. Prezzo medio di acquisto stabile nel 2017 con 1,67€/kg, nel periodo 2014-2016 era di 1,66€/kg.
Foto: credits macfruts.com
Società Gestione Mercato S.C.p.A. - P.IVA 01731200992 - All rights reserved - Dati Sociali - Credit e Redazione  -  Informativa sui cookie